Introduzione / Introduccion, in El Imperio y las Hispanias de Trajano a Carlos V. Clasicismo y poder en el arte espanol / L'impero e le Hispaniae da Traiano a Carlo V. Classicismo e potere nell'arte spagnola, a cura di S. De Mari

Please download to get full document.

View again

of 22
28 views
PDF
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Document Description
Introduzione / Introduccion, in El Imperio y las Hispanias de Trajano a Carlos V. Clasicismo y poder en el arte espanol / L'impero e le Hispaniae da Traiano a Carlo V. Classicismo e potere nell'arte spagnola, a cura di S. De Maria e M. Parada
Document Share
Document Tags
Document Transcript
  Introducción / Introduzione Sandro De Maria, Manuel Parada López de Corselas 󰁑uesto volume nasce da una lunga riflessione da  parte dei curatori sui diversi temi affrontati, in un dialogo nel tempo – soprattutto fra antichità ed età moderna – e nello spazio, sviluppando considerazio-ni e approfondimenti sui due poli, diversi ma spesso intrecciati, costituiti dalla storia e dalle culture di Italia e Spagna. I contributi sono raggruppati attor-no a quattro nuclei tematici distinti, ma dialoganti fra loro: l󲀙immagine del potere attraverso il tempo; la tradizione classica e il mito imperiale; gli ambienti accademici e lo studio antiquario fra Spagna, Italia ed Europa; infine la pluralità delle  Hispaniae , inten-dendo con questo anche le estreme culture ispaniche dei continente americano.  Volutamente non abbiamo previsto una rigida sequenza temporale, nell󲀙intento di privilegiare ar-gomenti e spunti problematici da considerare tra-s  versalmente, perché ci pare che così facendo meglio  vengano messi a fuoco le costanti o le cesure, che solo nel lungo periodo si mostrano con tutta la loro effi-cacia documentaria. Va da sé che il lettore potrà co-munque intrecciare a suo piacimento gli argomenti trattati, che non pretendono ovviamente di esaurire una tematica tanto complessa quanto variegata nei tempi e nei modi, né disporla in un ordine che solo apparentemente potrebbe dare l󲀙illusione di dar luo-go a un󲀙ipotesi interpretativa generalista. Riteniamo di assolvere al nostro compito se soltanto possiamo mettere in campo osservazioni e ulteriori spunti di ricerca, che possano stimolare e appassionare nei confronti di una materia tanto affascinante e che mai  può dirsi prossima ad essere trattata esaurientemente. L’immagine del potere Per quanto riguarda le  Hispaniae  è tanto complesso analizzare l󲀙immagine del potere quanto pretende-re di analizzare le ideologie e i flussi storici delle sue molteplici entità politiche e culturali. Nonostante questo, è possibile isolare alcuni momenti nell󲀙arco temporale proposto, quasi simbolicamente, da Tra-iano, primo imperatore romano di srcine ispanica, fino a Carlo V, che già disegna le linee fondamentali di un sogno imperiale ricco di promesse, ma anche  polemico e in certo senso frustrato, che condizione-rà le vie maestre della storia spagnola ed europea nel corso di alcuni secoli, e che produsse un󲀙immagine del potere derivata da molte tradizioni differenti. Fra queste due figure storiche si sviluppa tutta una serie di fenomeni che, per quanto riguarda i prodotti artistici, darà luogo a risposte di diversa natura, ma in molti casi coincidenti nel loro intento di esprime-re il concetto di potere, combinando assieme codici innovatori e citazioni prestigiose, fra le quali l󲀙Anti-chità occupò un posto privilegiato, in quanto a filia-zioni, topoi , attitudini,  spolia in se o  spolia in re .Nell󲀙Antichità, probabilmente nel periodo anto-nino, due stele di Clunia impiegano alcune soluzioni formali innovative, come la figura umana collocata in trono al di sotto del cosiddetto “frontone siriaco” (Tav. 2a-b), anticipando il celebre disco argenteo di Teodosio (Tav. 2c). È curioso osservare che una di esse fu riutilizzata in epoca moderna per accogliere l󲀙iscrizione: “Plaza del rey” (Piazza del re). Da parte sua, il regnum Visigothorum , un mondo nel quale si Hispanias.indd 1917/07/14 06.28   XX  Introducción / Introduzione costruzione di un󲀙immagine dalle esplicite pretese imperiali (Tav. 6a-b), o la fondazione del Collegio di Spagna,  Domus Hispanica , a Bologna (1364). Un esempio sovente citato come il più appropriato per spiegare da dove provengano queste tendenze, è co-stituito dall󲀙epitaffio in castigliano, latino, arabo ed ebraico di Fernando III il Santo († 1252) (Tav. 7). 󰁑ueste tendenze aprono una strada che porterà a una monarchia detta cattolica, nel senso di univer-sale (Tav. 8), che, con la scoperta dell󲀙America e oc-cupando un posto d󲀙avanguardia in Europa, riuni-sce elementi locali (italiani, fiamminghi, germanici, andalusi, francesi, preispanici o di altre provenienze ancora) ma prepara soluzioni strettamente coerenti con le sue pretese egemoniche e messianiche nella storia dell󲀙umanità. Sulla stessa linea, a favore del-la Corona o per interessi propri, si collocavano le azioni di personaggi come Mendoza, Talavera o Ci-sneros, e si promuoveranno opere come il ciclo della Guerra di Granada nella cattedrale di Toledo, o la  porta della Porziuncola di Huejotzingo (Tav. 28) in Messico, dove si esplicitano messaggi messianici con colorature salomoniche, nei quali la Corona ha un ruolo da protagonista. Ne deriva un Rinascimento di carattere più sentenzioso e ideale, piuttosto che magniloquente, nel quale aspettative importanti si intrecciarono con tensioni utopistiche, come al tempo dell󲀙imperatore Carlo V: lo possiamo coglie-re bene in un rilievo di San Marcos a León, in cui si legge: melior Traiano, felicior Augusto  (Tav. 9). La tradizione classica Nell󲀙ininterrotto “filo rosso” che ci lega all󲀙Antichi-tà, il tema dell󲀙immagine del potere, dei simboli del-la sovranità, del ruolo stesso di chi lo incarna occupa uno spazio di particolarissima ed evidente importan-za. 󰁑uesto possiamo osservarlo anche soltanto sulla base della tradizione storiografica e letteraria, cui col tempo si affiancò quella delle immagini e dei conte-sti che costituiscono gli scenari entro i quali si svol-sero le rappresentazioni pubbliche del potere. Ben  presto i “grandi” del mondo antico, soprattutto ro-mano, ma non solo, hanno assunto quel valore esem- plare, per dignità morale o coraggio e valore milita-re, che derivava loro dalle esaltazioni degli scrittori antichi. In primo luogo le Storie  di Tito Livio, dove giganteggiano gli eroi della Roma repubblicana, e le esaltanti Vite  di Plutarco, non appena conosciute so- prattutto grazie alle traduzioni latine, nelle quali la gloria di Greci e Romani si poneva come termine di confronto di valore assoluto, costituirono i modelli annoverano molti elementi di sopravvivenza come già testimoniava Isidoro di Siviglia, e protagonista di primo piano in Europa nell󲀙appoggio alla chiesa di Roma, produsse proprie speculazioni attorno al tema della liceità della rappresentazione iconica e sviluppò contenuti ideologici che condizioneranno  per secoli l󲀙immagine regale spagnola. Allo stesso modo, quanto meno a proposito di produzioni let-terarie come le Vitas sanctorum patrum Emereten- sium (Vite dei Santi Padri di Merida), siamo davanti a speculazioni che riguardano questioni relative all󲀙immagine escatologica del trono divino (Tav. 1), ovvero una risposta personale di questa parte del mondo a formule iconografiche come il “trono  vuoto” paleocristiano/tardoantico o la posteriore hetoimasia . La penisola iberica fu anche uno dei  pochi luoghi in cui sopravvissero la costruzione in  pietra coperta a volta, così come alcuni sistemi pit-torici di srcine antica, volti a esprimere scenografie  particolari legate al potere: ad esempio il palazzo del Naranco (Tav. 3) o San Julián de los Prados, con citazioni tanto di Roma quanto di Toledo. L󲀙Anda-lusia, per parte sua, fu il centro politico e culturale dell󲀙Islam, almeno per quanto riguarda il suo apo-geo nel corso del califfato indipendente di Cordo-ba, con gli impressionanti complessi di Medinat al-Zahra e la mezquita di Cordoba, dove l󲀙antichità  viene rivisitata con varie soluzioni monumentali. In esse troviamo temi classici ed espliciti reimpieghi di  spolia , oltre a iconografie che variano il tema del tro-no divino – come nella maqsura di Cordoba (Tav. 4) – al tempo in cui (il X secolo) a Bisanzio si creava la particolare forma della hetoimasia .Il romanico esercitò la sua influenza in tutti i re-gni ispanici, quasi sempre secondo un disegno volto alla legittimazione e all󲀙alleanza con la Roma papale, talvolta con soluzioni insolite e indipendenti, come osserviamo nel timpano detto dell’“Imperatore delle due religioni” in Sant󲀙Isidoro a Leon (Tav. 5); in altri casi, invece, attraverso il mito di Santiago, o con solu-zioni sorprendenti come quella di San Pedro de Ro-das, chiesa per la quale vorremmo conoscere il pos-sibile modello d󲀙ispirazione antico. Imprese come quelle dell󲀙arcivescovo di Toledo Rodrigo Jiménez de Rada (ca. 1170-1247), Alfonso X il Saggio (re fra il 1252 e il 1284) o il cardinale Gil de Albornoz (1302-1367) arricchiranno di una dimensione in-ternazionale e interculturale la realtà spagnola. Da qui proviene anche l󲀙intenzione di mettere a fuoco una prima storia nazionale (  De rebus Hispaniae , ver-so il 1243), la composizione di un sapere unito alla Hispanias.indd 2017/07/14 06.28   XXI  Sandro De Maria, Manuel Parada López de Corselas un󲀙attenta lettura dell󲀙ordine tuscanico – che costi-tuirà un altro punto di riferimento fondamentale  per l󲀙architettura dell󲀙età moderna.Nella penisola iberica il fenomeno appare ap- punto sulla spinta in parte del Rinascimento italia-no, ma con caratteri peculiari e carichi di significato, sia sapienziale che estetico. Basti pensare al duomo di Toledo e a tanti altri edifici religiosi e civili, per cogliere la maturazione di questo fenomeno (Tav. 11a-b-c). Come in Italia, è la sfera funeraria, coi suoi monumenti carichi di simboli religiosi spesso modellati sull󲀙eredità antica, a costituire un esempio rilevante di queste ispirazioni e di queste nuove solu-zioni. I sepolcri e gli ambienti sepolcrali esprimono sì i contenuti dell󲀙escatologia cristiana, ma si cari-cano di apparati figurativi e talora anche simbolici desunti dai repertori antichi (Tav. 12). In questo un ruolo decisivo hanno avuto le figurazioni presenti sulle fronti e sui coperchi dei sarcofagi romani di età imperiale, largamente conosciuti e dunque molto copiati o rielaborati. Si può a buon diritto sostenere che i rilievi dei sarcofagi romani (esposti nelle chie-se, nei giardini o nelle dimore signorili) sono stati, almeno quantitativamente, il patrimonio figurativo dell󲀙antichità meglio conosciuto e più esaminato da-gli artisti del Rinascimento, sia in Italia che in Spagna (Tav. 13). Ad essi possiamo accostare forse soltanto i rilievi storici presenti sui monumenti di Roma, che giocarono un ruolo altrettanto significativo. Ce lo mostrano con grande evidenza i taccuini di disegni dall󲀙antico dei pittori e degli artisti del 󰁑uattro e del Cinquecento, in Italia e un po’ dovunque in Europa.Anche la simbologia del potere più direttamente connessa all󲀙immagine del sovrano, come i segni del-la regalità (scettro, corona, globo), mantengono un significativo collegamento con l󲀙antichità (Tav. 14), in questo caso ininterrottamente anche attraverso il Medioevo. Sia nel campo dell󲀙iconografia che in quello delle rappresentazioni di cerimonie e appa-rizioni pubbliche del sovrano, è questo un aspetto che possiamo cogliere con grande evidenza, anche in episodi precisi, come l󲀙incoronazione a Bologna di Carlo V. D󲀙altro canto la stessa architettura di  prestigio che si connette alla figura del re o dell󲀙im- peratore utilizza schemi e motivi, se non interi mo-numenti, che discendono da una tradizione millena-ria, che fa capo all󲀙impero di Roma. Basti pensare a certe soluzioni architettoniche d󲀙inquadramento o di passaggio, come la “serliana” in età antica e mo-derna (Tav. 15), per averne una prova evidente. E monumenti interi, che ebbero fortuna plurisecolare sulla base dei quali si costruirà e soprattutto si com- porrà anche per immagini una galleria “ideale”: in essa si rispecchia, dandole sostanza di autorevolezza, l󲀙immagine del sovrano contemporaneo. Su altro  versante, questa volta del sapere e della costruzione del vissuto, altri riferimenti vengono messi in cam- po: il  De Architectura di Vitruvio, soprattutto dall󲀙e-dizione di Fra Giocondo in poi (1511), per la prima  volta dotata di tavole e disegni esplicativi, o la  Natu-ralis Historia  di Plinio il Vecchio, danno luogo a un  patrimonio di conoscenze d󲀙inesauribile fecondità. Il primo sia nel campo delle forme architettoniche che in quello delle tecniche costruttive; il secondo come enciclopedia su cui fondare una nuova scien-za della natura. A questi si affiancano presto i nomi  prestigiosi e adorati di tanti altri scrittori antichi, di cui si riscoprono le opere con un lavorio che perdura nel corso dei secoli.A tutto ciò si accompagna ben presto il valore esemplare che viene riconosciuto, nell󲀙Europa che si avvia a diventare “moderna”, ai documenti materia-li dell󲀙antichità, siano essi monumenti più o meno in rovina, opere figurative, monete o iscrizioni. Nel campo dell󲀙architettura i resti dell󲀙antichità, soprat-tutto romana e soprattutto di Roma, assurgono a ruolo di exemplum in senso proprio, arricchito via  via di nuova vita e di nuove forme. La  sancta anti-quitate si rispecchia e si ricrea nei paesaggi urbani, nelle facciate e negli interni degli edifici. Com󲀙è ben noto il fenomeno è assai precoce, anche se in verità mai era stato sopito, in Italia, un po’ più tardivo in Spagna, dove nel pieno Cinquecento avremo prove evidenti di questi ripensamenti e di queste rivitaliz-zazioni. Per quanto riguarda l󲀙Italia mettiamo in campo un nome soltanto, fra i molti possibili: Leon Battista Alberti è davvero un ponte con il mondo antico, sia nel campo della teoria architettonica e della trattatistica, sia nel concreto operare dei cantie-ri urbani. Il suo Tempio Malatestiano a Rimini (Tav. 10a) è, in senso proprio, un󲀙antologia multiforme di un󲀙antichità vagheggiata e rivissuta anche a gloria dei signori della città. Nonostante il relativo ritardo e il diverso approccio spagnolo all󲀙antico, la Spagna  vanta un ruolo significativo nella committenza di alcune opere importanti della tradizione classica nel Rinascimento europeo. Se il Tempio Malatestiano definisce le modalità della pianta longitudinale e della facciata monumentale ispirata all󲀙arco onora-rio, il tempietto di San Pietro in Montorio del Bra-mante (Tav. 10b), commissionato dai Re Cattolici,  propone lo schema della pianta centrale – e anche Hispanias.indd 2117/07/14 06.28   XXII  Introducción / Introduzione do antico. Persino un centro minore e appartato come Reggio Emilia è stato il luogo di formazio-ne dell’  Antiquarium  del monaco Michele Fabrizio Ferrrarini († 1492), anch󲀙egli presente nella Bolo-gna di tardo 󰁑uattrocento. È un diffondersi pode-roso di questo intenso attivismo per raccolte e studi di antichità, che concerne non solo i testi, ma anche i realia , oggetti di studio per l󲀙interpretazione di un sapere antico e talvolta arcano e anche occulto, che si riteneva espresso nelle iscrizioni o negli enigma-tici rovesci delle monete antiche. Oppure racchiu-so nella magnificenza delle opere figurative, che arricchivano sempre più le collezioni non solo dei nobili, ma anche di più modesti esponenti di una borghesia desiderosa di mostrare le proprie inclina-zioni colte e persino erudite.Già nel pieno 󰁑uattrocento questi fermenti sono diffusi e talora organizzati in veri e propri ce-nacoli: si pensi all󲀙Accademia Romana di Pomponio Leto, ad esempio. E singole personalità in campi specifici affermano la propria autorevolezza, come Felice Feliciano –  Antiquarius  per eccellenza – per quanto riguarda la scrittura e la riaffermazione del-le modalità scrittorie antiche. Se il sorgere di questa scienza antiquaria quattro e cinquecentesca avviene indubitabilmente in Italia, la sua influenza si farà sempre più decisiva anche nella cultura europea, soprattutto di pieno Cinquecento, Spagna inclu-sa. Dove tuttavia l󲀙interesse per l󲀙epigrafia e per la scienza che vi si collega ha cultori precoci, come a Barcellona dimostra l󲀙attività erudita di Pere Miquel Carbonell fra la fine del 󰁑uattrocento e gli inizi del secolo seguente. In realtà già nella Spagna della tar-da antichità, luogo di importanti sopravvivenze e di rivisitazioni dell󲀙Antico, si possono identificare figure come quella di Isidoro di Siviglia, che giunse a capo di una compilazione enciclopedica del sapere antico, con un rigore filologico che godette di larga fortuna. L󲀙interesse filologico è una delle note do-minanti nell󲀙approccio all󲀙Antichità degli studiosi spagnoli fin dal medio evo, che poi riscontriamo an-cora nell󲀙età moderna in personalità come quella di Nebrija, nella maggior parte dei casi con evidenti in-tenti politici, tratto comune tanto nei regni cristiani quanto in quello della Spagna islamica (al-Andalus). Arte, potere e sapere costituiscono un nesso strettis-simo. La genesi del cosiddetto “stato moderno”, dal basso medio evo in poi, si fondò sullo studio che dal diritto o dalla filologia traeva gli strumenti necessari  per stabilire paradigmi che consentissero la sua ca-ratterizzazione e la sua legittimazione.nell󲀙antichità romana, come l󲀙arco onorario o trion-fale, conoscono nuova vita. Che può essere una vita effimera, connessa agli apparati posticci eretti nelle città per cerimonie solenni che inscenano le feste del  potere, nel corso delle quali le città si “travestono” all󲀙antica per acquistare sfarzo,  auctoritas  e decor  , come per le entrate solenni, simili all’  adventus o alla  profectio dell󲀙imperatore nel cerimoniale pubblico della Roma antica. Oppure essi sono costruiti per avere vita durevole (Tav. 16), come sfondi magnifici ai percorsi urbani o alle piazze, cosicché i paesaggi delle nostre città ancora li conservano in buon nu-mero: porte e archi che celebrano sovrani o imprese gloriose ancora punteggiano gli scenari urbani delle capitali e delle città maggiori di tutta Europa, fino a tempi a noi molto vicini (Tav. 17). Gli studi antiquari Il versante sapienziale di questo profondo e multi-forme sguardo all󲀙antico è costituito dalla ricerca antiquaria: repertoriale, collezionistica, linguistica o imitativa che fosse. Nel panorama dell󲀙Italia uma-nistica di pieno 󰁑uattrocento e del secolo seguente Bologna ha occupato un posto rilevante relativa-mente a questi interessi. Lo Studio, coi suoi profes-sori di Umanità e di Retorica, ma anche di Filosofia Naturale, da un lato; la corte dei Bentivoglio (Tav. 18) dall󲀙altro, fino alla cacciata nell󲀙anno oscuro dell󲀙arrivo degli eserciti di papa Giulio II. Ma ov- viamente non solo a Bologna si verifica il fenome-no di un󲀙intensa acribia critica sui testi antichi (si  pensi ai dottissimi commenti ai classici di Filippo Beroaldo il Vecchio, professore nello Studio fino ai primi anni del XVI secolo) e di un󲀙appassionata attività di raccolta di iscrizioni e monete antiche. Ugualmente potremmo approfondire il fenomeno nei maggiori centri universitari dell󲀙Italia setten-trionale, da Padova a Pavia e ancora altrove. Si mol-tiplica la compilazione di quelle raccolte antiquarie, talora con pretese quasi enciclopediche, di cui, pro- prio fra Bologna e Padova, troviamo un archetipo straordinario nei  󰁑uaedam antiquitatum fragmenta  del medico padovano Giovanni Marcanova, giunti fino a noi in preziosissime redazioni illustrate. Nul-la invece sappiamo del destino delle  Antiquitates di Antonio Cortesi Urceo “Codro”, come amava farsi chiamare (1446-1500), altro umanista dello Studio bolognese, testo forse mai completato e perduto, cui egli allude in diversi luoghi dei suoi Sermones . Esso forse poteva aspirare a essere la vera raccolta enciclopedica di quanto era conosciuto sul mon- Hispanias.indd 2217/07/14 06.28   XXIII  Sandro De Maria, Manuel Parada López de Corselas sione della cultura figurativa antica all󲀙età moderna deve molto al loro lavoro, soprattutto a quello pio-nieristico di conoscenza e documentazione diretta dei resti di un patrimonio immenso, affascinante anche per la sua incompletezza e per la riapparizione quasi miracolosa: il Laocoonte ricordato da Plinio in domo Titi o l󲀙Apollo del Belvedere, ad esempio, icone dell󲀙antico che presero a circolare rapidamen-te grazie al bulino dei loro primi incisori, quale fu,  per l󲀙appunto, Marcantonio Raimondi. Per la Spa-gna non si può dimenticare il Codex Escurialensis  di disegni dall󲀙antico, che permise una larga circolazio-ne delle immagini sopravvissute della Roma antica, e il quaderno di disegni del portoghese Francisco de Holanda, importante per diverse ragioni e in parti-colare per lo studio della  Domus Aurea  di Nerone (Tav. 24a-b).Anche la scienza dell󲀙emblematica (perché di questo davvero si tratta, nella cultura del tempo) fa ricorso abbondante all󲀙iconografia antica e all󲀙eru-dizione che l󲀙accompagna. Il suo massimo esponen-te nei decenni centrali del Cinquecento fu il milane-se Andrea Alciato, professore anche a Bologna dove lasciò traccia soprattutto negli studi di diritto roma-no, ma anche nel campo delle raffigurazioni simbo-liche, se si pensa alle Symbolicae quaestiones del suo quasi contemporaneo bolognese Achille Bocchi (1488-1562). La città emiliana fu davvero un cro-cevia, soprattutto per quanto riguarda l󲀙erudizione antiquaria, perché in essa convergono personalità che si cimentano in tutti i settori del sapere antiqua-rio, e nei suoi derivati, per dir così. Forse meno per quanto riguarda il versante collezionistico, perché a lungo vi mancò la presenza di una committenza ade-guata, anche finanziariamente, dopo il tutto som-mato breve periodo della corte di Giovanni II Ben-tivoglio. Bologna, come luogo di intrecci di uomini e di culture, è ben rappresentata anche dalla figura eminente di Antonio Agustín, che potrebbe essere accolto proprio come simbolo dei rapporti fra Italia e Spagna su questo versante specifico dell󲀙antiqua-ria. Studente a Bologna, coltivò i suoi interessi an-tiquari, legati soprattutto alla scienza numismatica, tra Bologna e soprattutto Roma, dove soggiornò a lungo prima di fare ritorno in Spagna. Egli fu l󲀙espo-nente di una scienza dai forti connotati innovativi,  propensa a scrivere la storia non soltanto – o non tanto – sull󲀙autorità dei testi scritti, quanto sulle testimonianze materiali, quali sono appunto le mo-nete o le iscrizioni, testimoni diretti e non mediati delle vicende antiche. Con lui si inaugura, o prende Anche in Spagna l󲀙attività accademica, grazie alla conoscenza delle fonti scritte e materiali della cultura classica, favorì l󲀙approccio al mondo antico e il prender corpo di nuove forme artistiche; nello stesso tempo il mondo delle Università assunse la dignità di modelli regali ed ecclesiastici, dai carat-teri antiquari o desunti dalla sfera dell󲀙emblematica (Tav. 19). La mobilità di professori e studenti, così come il costante scambio di idee – particolarmente fruttuoso fra Spagna e Italia – arricchirono questo fenomeno di un respiro internazionale, in costante rinnovamento. Secondo la tesi di García-Valdeca-sas, la comparsa del collegio universitario segna il momento in cui il sapere cessa di trovar luogo nei conventi per trasferirsi nei palazzi e introdursi nella cultura civica e di corte, di cui esempio rilevante è  proprio il Collegio di Spagna a Bologna (Tav. 20). 󰁑ueste dinamiche sono testimoniate anche dallo stabilirsi di una precisa facciata architettonica, “spe-cializzata” e chiaramente riconoscibile, negli edifici universitari, come accade a Salamanca – dove tro- viamo anche tante manifestazioni dello studio anti-quario (Tav. 21a-b) –, a Valladolid nei Collegi di San Gregorio (Tav. 26) e Santa Cruz, o ad Alcalá. Allo stesso modo si osserva che, a partire dal Trecento, l󲀙ambito accademico si appropria di iconografie, ce-rimoniali e abbigliamenti desunti esattamente dagli scenari del potere. Si rischia l󲀙ovvietà nel riaffermare il ruolo degli artisti in questi nuovi interessi nei confronti delle culture dell󲀙antichità. Molto si deve a loro per quan-to riguarda la conoscenza del patrimonio architet-tonico e figurativo, com󲀙è ovvio, ai loro studi e alle loro imprese antiquarie, talora persino spericolate: in Italia si pensi al tentativo di Leon Battista Alberti di recuperare le navi di Caligola nei fondali del lago di Nemi, o al pittore bolognese Jacopo Ripanda ap- peso dentro un cesto alla sommità della Colonna Traiana per disegnarne i rilievi. É appunto la passio-ne documentaria che anima i loro disegni e le loro rielaborazioni del patrimonio figurativo antico. E corrono a mente i nomi di Gentile da Fabriano – un  precursore nell󲀙affidare al disegno la propria rifles-sione sui documenti della cultura figurativa d󲀙età romana – e poi, naturalmente, di Andrea Mantegna (Tav. 22), del Pinturicchio (visitatore delle “grotte” della  Domus Aurea  a Roma), dei bolognesi Marcan-tonio Raimondi e Amico Aspertini (Tav. 23), che fu a Roma ripetutamente e ne disegnò con precisione antiquaria rilievi, sculture a pitture (anche per quan-to riguarda lui, viste nella  Domus Aurea ). La trasmis- Hispanias.indd 2317/07/14 06.28
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks